Ing. Magda Berloco – Tecnico competente in acustica a Matera e Altamura
Header

Novità di febbraio 2012: Quando rimane l’obbligo dell’impatto acustico?

marzo 3rd, 2012 | Posted by admin in Impatto acustico | Normativa acustica | Servizi acustica

Entra in vigore il DPR n. 227 del 19 ottobre 2011. Dal 18 febbraio 2012 molte attività saranno dispensate dall’obbligo di presentare uno studio previsionale di impatto acustico. All’allegato B è stilata la lista di quali tipologie di attività, ve le ricordiamo in fondo a questo articolo.

All’articolo 4 comma 2 del recente DPR viene concessa la possibilità di presentare una autocertificazione anche alle attività che non superano i limiti del DPCM 14/11/97. La novità della legge è che anche in caso di mancata adozione della zonizzazione acustica comunale vengono imposti questi limiti, prima c’era un po’ di confusione in merito.

La legge conclude al comma 3 dell’articolo 4 ricordando che se si superano questi limiti rimane l’obbligo di fare uno studio di impatto acustico.

Il nostro commento.

La legge è pensata per chi avvia una piccola impresa e ha il primo intento di far risparmiare tempo, soldi e burocrazia agli imprenditori, in realtà nasconde il fatto di rendere chi si autocertifica con leggerezza più vulnerabile: a una denuncia penale per falso, ai controlli ARPA e alle cause civili fatte dagli abitanti vicini, poiché i limiti differenziali (5 dB di giorno e soprattutto quello dei 3 dB di notte) sono molto facili da non rispettare (basta un edificio costruito male, errori di posa e di progettazione di persone non esperte, un condizionatore mal scelto, e molti altri dettagli che trovate nel sito).
Quindi se da una parte sembra di risparmiare 10 nell’immediato, dall’altro alza la probabilità di dover spendere 50 o 100 nel giro di pochi mesi o anni dopo l’apertura dell’attività, oltre a far spendere soldi alla comunità (lavoro dei tecnici ARPA e costi per i vicini disturbati). Questo DPR n. 227 del 19 ottobre 2011 dice anche che rimane comunque l’obbligo a tutti di rispettare i limiti di legge, e che valgono i limiti del 1997 per tutti.

Come preannunciato dal precedente governo, nel nostro paese del bel canto, rimane l’intento di penalizzare chi usa la musica nei propri locali: se si ha un impianto di diffusione sonora (questo non è definito cosa si intende, quindi anche una radio potrebbe esserlo considerata) o si fa musica di ogni tipo allora c’è la certezza di avere l’obbligo di fare uno studio previsionale. Quindi non è stato fatto nulla per aiutare la musica dal vivo in generale.

Il nostro consiglio è quindi di valutare attentamente dove ci si insedia, la tipologia di attività e degli impianti, quindi nel dubbio di affidarsi il prima possibile a un tecnico competente in acustica ambientale esperto e di seguire i suoi consigli. Se si decidono gli interventi sull’isolamento (insonorizzazione), sugli impianti e sulle varie operazioni che si svolgono all’interno della propria attività all’inizio, si risparmiano poi molti soldi.

Il testo della legge.

Ecco le attività citate nell’allegato B

1. attività alberghiera
2. attività agro-turistica senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
3. attività di ristorazione collettiva e pubblica senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
4. attività ricreative senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
5. attività turistica senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
6. attività sportive escluse quelle motoristiche, con molto pubblico o con uso di armi da fuoco senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
7. attività culturali senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
8. attività nel settore dello spettacolo senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
9. palestre senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
10. stabilimenti balneari senza impianti di diffusione sonora e senza eventi con diffusione di musica o utilizzo di strumenti musicali.
11. agenzie di viaggio
12. sale da gioco
13. attività di supporto alle imprese
14. call center
15. attività di intermediazione monetaria/finanziaria/immobiliare/assicurativa
19 attività di informatica (software/houde/internet point)
22. attività di acconciatura
23. istituti di bellezza/estetica/centro massaggi-solarium/piercing e tatuaggi
27. laboratori veterinari
28. studi adontoiatrici e odontotecnici senza attività di analisi
29. ospedali e assimilabili con meno di 50 posti letto e senza attività di analisi
31. lavanderie e stirerie
32. attività di vendita al dettaglio
33. laboratori artigianali per la produzione di dolciumi
34. laboratori artigianali per la produzione di gelati

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>